Logo Protezione Civile Basilicata
Ufficio Protezione Civile
Regione Basilicata
protezione Civile
Il Territorio Aree rischio idraulico Aree soggette a Rischio incendi Aree di Attesa Comuni Limitrofi Accesso Area Riservata
Rete Viaria Aree rischio idrogeologico Rischio incendi: Vulnerabilità Aree di Accoglienza Strutture Sovracomunali WEBGIS
Dati Demografici Attraversamenti Rischio Neve: Viabilità Aree di Ammassamento Enti Gestori Schede AUGUSTUS
Volontariato     Edifici Strategici Strutture Sanitarie Download Relazioni
Analisi della Vulnerabilità
 

Si sono presi in considerazione tutti gli esposti presenti nella fasce ritenute ad Alto Rischio R4 e a medio Rischio R3 che potrebbero essere interessati direttamente dal fronte del fuoco.

VALUTAZIONE DEL RISCHIO BENI ESPOSTI IN R4 
Zona  Valore
Pericolosità 
Valore Vulnerabilità  Valutazione
Rischio 
15  BASSA  BASSA  R1 
16  BASSA  BASSA  R1 
25  MEDIA  ALTA  R4 
26  MEDIA  ALTA  R4 
27  BASSA  ALTA  R3 
37  MEDIA  ALTA  R4 
44  MEDIA  ALTA  R4 

VALUTAZIONE DEL RISCHIO BENI ESPOSTI IN R3 
Zona  Valore
Pericolosità 
Valore Vulnerabilità  Valutazione
Rischio 
3 BASSA  ALTA  R3 
4 BASSA  ALTA  R3 
5 BASSA  ALTA  R3
6 BASSA   ALTA  R3 
7 BASSA  MEDIA R2 
10 BASSA  MEDIA R2 
13 MEDIA  BASSA  R2
14  BASSA   MEDIA  R2 
24  MEDIA   ALTA   R4 
28  MEDIA   ALTA   R4 
30  MEDIA   MEDIA  R3 
32  MEDIA   ALTA   R4 
35  MEDIA   BASSA   R2 
36  MEDIA   BASSA   R2 
37  MEDIA   BASSA   R2 
38  MEDIA   MEDIA  R3 
39  MEDIA   MEDIA  R3 
40  MEDIA   MEDIA  R3 
41  MEDIA   BASSA   R2 
42  MEDIA   BASSA   R2 
43  MEDIA   MEDIA  R3 
45  MEDIA   MEDIA  R3 
46  MEDIA   MEDIA  R3 

L’analisi di approfondimento, condotta secondo quanto disposto dalla schede di sintesi per aree omogenee ha evidenziato che la pre-perimetrazione è maggiormente cautelativa rispetto a quanto emerge dalle schede di dettaglio, ad eccezione per le zone 24 – 28 – 32.
Per completezza di studio è stata valutata la pericolosità anche delle zone di interfaccia non classificate R3 o R4 nella pre perimetrazione, valutando una pericolosità bassa nelle aree 1-2-9-17-18-19-20-21-23-29;
mentre sono state valutate a pericolosità media le seguenti aree: 11-12-22-31-33-34-47-48-49, per le quali, anche in relazione alla vulnerabilità e alla sensibilità degli esposti si ritiene necessario intensificare la vigilanza durante il periodo di massima pericolosità per gli incendi boschivi.